Una vita senza amore?

0

Che cosa abbia spinto una donna sensibile, un’artista delle parole, a rinunciare all’amore per ritirarsi nella propria stanza in casa dei genitori fino alla morte avvenuta prematuramente, non lo potremo sapere mai veramente.

di Maria Giovanna Farina

Emily Dickinson raccontata dal regista Terence Davies nel film ”A quiet Passion”

Ho sempre amato

Ho sempre amato,
e te ne do la prova:
prima di amare,
io non ho mai vissuto pienamente.

Sempre amerò,
e questo è il mio argomento:
l’amore è vita
e la vita ha qualcosa di immortale.

Se dubiti di questo,
allora io, amore,
nient’altro ho da mostrare,
nient’altro che il Calvario.

Che cosa abbia spinto una donna sensibile, un’artista delle parole, a rinunciare all’amore per ritirarsi nella propria stanza in casa dei genitori fino alla morte avvenuta prematuramente, non lo potremo sapere mai veramente. Le sue parole ci testimoniano però nell’opera poetica che “prima di amare, io non ho mai vissuto pienamente” e “ l’amore è vita e la vita ha qualcosa di immortale”. Questi suoi versi, chiari e universali che considerano l’amore vita e grazie all’amore anche la vita assume in sé qualcosa di immortale, ci comunicano che la Dickinson ha amato e le vibrazioni, che solo Eros immortale sa emanare, le hanno fatto conoscere il significato profondo del sentimento più potente del mondo. Una vita senza amore non è vita perché prima di amare, anche lei, durante un’esistenza triste e troppo rigida, non aveva vissuto pienamente. Rivolgendosi all’amore lo avverte che non può dubitare di lei, del suo amore, altrimenti ciò che ha davanti a sé è solo un cammino di dolore. In conclusione, l’amore si vive e si sperimenta in tante variabili differenze e non necessariamente nella coppia, l’amore è passione per le esperienze della vita. Nel caso particolare, l’amore di cui lei narra con i suoi versi è la passione che si incarna nell’arte, un’esaltazione estatica dalla quale è impossibile sottrarsi. L’amore vissuto attraverso l’arte abbraccia insieme particolare ed universale regalando la libertà di esprimersi, fuggendo da sé stessi e ritornandoci continuamente.

dickinson

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


3 − = uno