La resistenza di Lidia Menapace

0

Alla libreria Laterza, di Maria Laterza, un folto pubblico ha avuto l’onore di ascoltare dalla voce di Lidia Menapace, donna straordinaria di 94 anni, che ha vissuto coraggiosamente gli anni della Resistenza da partigiana (si definisce “Staffetta Partigiana Sottotenente), il racconto di quella passione e di quegli ideali che ci hanno reso quello che siamo oggi, cittadini liberi, che sono anche contenuti nel suo libro “Io, Partigiana.La mia resistenza”

menapace

Lo ha ribadito Micaela Paparella, Presidente del I Municipio di Bari, ed ha continuate “La sua voce, il suo lavoro di testimonianza è motivo di ispirazione e di orgoglio, consapevoli come siamo che solo chi conosce la verità della storia può guardare con fiducia al futuro”.
Ed infatti la novarese, trapiantata a Trento, Lidia Menapace, accompagnata in un viaggio per l’Italia da Roberta Robj Corradini, ha lucidamente nelle sue analisi che, a suo dire, non sono il verbo, ma coraggiose considerazioni. Una donna Ironica e ferma nel ribadire le pari dignità delle donne e il linguaggio di genere, essenziale per la considerazione della presenza femminile ormai in ogni luogo di lavoro, ma soprattutto con lo sguardo rivolto ad un futuro costruttivo.
Chiamare Professoressa una donna, che esercita le funzioni nei tempi andati prerogativa solo dei Professori, è svilire la funzione svolta da una donna. I giovani hanno risolto chiamando il Prof e la Prof.
Ha ricordato le donne che chiama “scimmiette”, in quanto scimmiottano l0uomo, perdendo e rinnegando la loro visione femminile, essenziale per la crescita. Ha nominato il vice premier “Gallo Salvini” in quanto Lombardo e quindi discendente dei Longobardi, scesi in Italia come Galli.
Ha impartito lezioni di dignità, di semplicità e lungimiranza.
L’incontro è stato organizzato in preparazione della ricorrenza del 75 mo anniversario della strage dei giovani a Bari, in via Nicolò dell’Arca, per mano dell’esercito monarchico, in un angolo di Piazza Umberto I di Bari.
Lo ha organizzato l’ANPI Sez. di Bari, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, è nel caso specifico da Pasquale Martino e Arturo Cucciolla.
Hanno dialogato con Lidia Menapace Ferdinando Pappalardo e Gigia Bucci, attualmente unica donna nella segreteria barese della CGIL.
“In tempi come questi in cui la paura è benzina di discriminazioni e violenze dobbiamo essere capaci di costruire, con azioni di solidarietà, un sentimento di fiducia reciproca – ha dichiarato Gigia Bucci, segretario generale della Cgil Bari – fiducia intesa come capacità di stare insieme, di farci carico delle sofferenze altrui attraverso l’impegno della militanza onde evitare che possa prevalere l’indifferenza verso le condizioni di chi sta peggio di noi”

CONDIVIDI

Profilo Autore

Luciano Anelli

Nato a Bari, nel 1947, Laureato in Ingegneria trasporti, dopo 11 anni trascorsi a Roma a progettare e costruire Aeroporti in tutta Italia per conto del Ministero dei Trasporti, si è lanciato nell’avventura gestionale in Puglia, costituendo la Società di Gestione aeroportuale. Dopo 9 anni trascorsi come Direttore Generale della SEAP-SpA, passa a fare il Libero professionista, consulente nel settore aeroportuale. Si inserisce nella Federmanager, Federazione dei dirigenti di aziende industriali, diventando Segretario della sede di Bari, consigliere nell’Unione Regionale, e qui anche come Direttore della rivista “Dirigenti in Puglia. La sua nuova propensione è nel campo delle Pari Opportunità. ha anche iniziato un’attività di tutoraggio, mentore e couching per neo imprenditrici e dirigenti donne, caratterizzando anche la rivista che cura nella valorizzazione del lavoro di vertice al femminile nella diversità di genere e creando una vera rete di donne impegnate.

Lascia un commento


9 − = otto