Un cambiamento ” ancien regime”

0

Un maschietto alle Pari Opportunità, niente di strano se il Presidente del Consiglio, o almeno uno dei due vice presidenti fossero femminucce, invece niente di tutto ciò, anzi se andiamo a controllare, la presenza delle femminucce è scarsa, non solo nella squadra dell’attuale governo, ma pure fra vice ministri e sottosegretari.

di Katia Belillo

Per essere stato strombazzato come “il cambiamento”, questo compromesso giallo-verde mi sembra fin troppo “ancien regime”. Tra l’altro è stato cancellato il ministero per le Pari Opportunità, infatti il maschietto è un sottosegretario alle PO e ai giovani, insomma un tutto fare alle prese con due questioni che insieme sono un programma di governo!

Vale la pena ricordare che il ministero, anche se senza portafoglio, nasce nel 1996, nel primo governo di centro sinistra a guida ulivista. Rappresentò, in quella fase, una precisa scelta politica per sottolineare la volontà, in modo anche palpabile, per superare disuguaglianze e discriminazioni esistenti ancora fra maschi e femmine.

Si può anche affermare che in questi 12 anni non è che questo ministero abbia poi fatto chissà che, del resto sono anni in cui le tendenze dell’economia, la sua crisi e la sua egemonia, non hanno certo facilitato il compito della politica ad intervenire per eliminare gli ostacoli che si frappongono ai pari diritti fra tutti i cittadini. Se aggiungiamo che per lo più i nostri governanti quando è andata bene, hanno scelto di assecondare le leggi del mercato piuttosto che trattenerle, si comprende anche la difficoltà di intervenire per attuare i principi della Costituzione.

Però ritorno al tema, un declassamento delle PO e la sua assegnazione ad un uomo. Poiché il cognome Spadafora non mi diceva niente, sono andata a leggermi la sua biografia, un aitante campano, poco più che quarantenne, senza laurea e senza patente di guida, che sognava di diventare come Pippo Baudo. Come inizio niente male, poi scopro l’iter che lo ha portato a diventare uomo di fiducia dell’astro nascente nel variegato M5 Stelle Luigi Di Maio. Il suo cammino fra strade e stradette della politica ha inizio giusto 20 anni fa e comincia nientepopodimeno che con Clemente Mastella e il suo Udeur, poi un saltino tra i verdi di Alfonso Pecoraro Scanio, per spostarsi nella margherita di Francesco Rutelli che lo incaricò di costituire il movimento giovanile, non mi è dato sapere i risultati ottenuti in questo compito, so che quando Rutelli divenne ministro lo volle capo segreteria ai Beni culturali, con lo sfiorire della margherita il nostro prode salta nell’Italia futura di Montezemolo. Forse questo ultimo fulmineo passaggio fu il viatico finale per diventare il più giovane presidente Unicef del mondo, e in questo ruolo fece simpatia alla allora ministra delle pari opportunità, Mara Carfagna, tanto che il prode Spadafora venne nominato dal centrodestra Garante della neo Authority per l’infanzia. Insomma non c’è che dire, uno che di cambiamento se ne intende e anche di opportunità!

katia-belilloAutrice – Katia Bellillo è una politica italiana, già ministro della Repubblica. Si è laureata in pedagogia all’Università degli studi di Perugia ed ha conseguito la laurea breve da assistente sociale presso la facoltà di scienze politiche di Perugia, specializzandosi in mediazione familiare. Nel 1976 fu eletta consigliere regionale dell’Umbria per due legislature nelle liste del PCI, in cui ricoprì la carica di vicepresidente del Consiglio Regionale.
CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


+ nove = 11