L’equivoco della famiglia

0

 L’invecchiamento delle parentele ha trasformato il rapporto tra generazioni. Separazioni e divorzi hanno modificato i confini delle famiglie. Ne parla Chiara Saracenp a Bari, presentando il suo nuovo libro ”L’equivoco della famiglia”

saraceno2Alla prestigiosa Libreria Laterza, in Bari, si è tenuto il qualificante Incontro con Chiara Saraceno, autrice di “L’equivoco della famiglia“, edito da Laterza, replicato di mattina al Liceo Salvemini di Bari.
Dopo l’introduzione e benvenuto della padrona di casa, Maria Laterza, hanno dialogato con l’autrice la giornalista Fiammetta Fanizza e l’avvocata Michela Labriola.
In questi anni i modi di fare e di intendere la famiglia si sono trasformati. L’invecchiamento delle parentele ha trasformato il rapporto tra generazioni. Separazioni e divorzi hanno modificato i confini delle famiglie. Le donne si sono emancipate ampliando la propria attività lavorativa fuori dalle mura domestiche. Le tecniche di riproduzione assistita hanno prodotto nuove forme di genitorialità. Le coppie dello stesso sesso hanno ottenuto riconoscimento.

Di tutto ciò se n’è parlato con la più affermata Sociologa italiana, la milanese Chiara Saraceno, attraverso un viaggio affascinante partendo dal suo ultimo libro .
Chiara Saraceno da sempre si occupa della famiglia e delle sue trasformazioni, è stata Docente dell’Università di Torino e vanta una prestigiosa attività di ricerca all’estero.
Nel suo libro esamina il concetto equivoco di famiglia, perché si dovrebbe parlare di famiglie, in quanto ormai ogni famiglia è diversa dall’altra a partire dalla sua composizione sempre più aperta ed ampliata. Su tale concetto si struttura l’organizzazione di gran parte della vita sociale e lavorativa, ma anche dei diritti individuali.
Due articoli della Costituzione, che toccano l’aspetto della famiglia, vengono esaminati nella loro criticità della forma forse superata. La famiglia è un concetto creato dall’uomo, variegato secondo le epoche, le religioni e le collocazioni geografiche, tanto da far pensare, essere un concetto astratto, determinato dalle regole, mentre dovrebbe essere il luogo che unisce e crea affetti, ma a volte, così com’è, anche mostri, esseri anafettivi, violenti.
Sono state anche esaminate, attraverso le evoluzioni anche recenti e le leggi esistenti in altri paesi, le varie forme di affiliazione, dal superamento della divisione fra figli naturali e innaturali, alle forme di procreazione assistita.
Il libro non da soluzioni o prende posizioni, ma esamina accuratamente i vari aspetti con accuratezza e sensibilità.

saraceno

CONDIVIDI

Profilo Autore

Luciano Anelli

Nato a Bari, nel 1947, Laureato in Ingegneria trasporti, dopo 11 anni trascorsi a Roma a progettare e costruire Aeroporti in tutta Italia per conto del Ministero dei Trasporti, si è lanciato nell’avventura gestionale in Puglia, costituendo la Società di Gestione aeroportuale. Dopo 9 anni trascorsi come Direttore Generale della SEAP-SpA, passa a fare il Libero professionista, consulente nel settore aeroportuale. Si inserisce nella Federmanager, Federazione dei dirigenti di aziende industriali, diventando Segretario della sede di Bari, consigliere nell’Unione Regionale, e qui anche come Direttore della rivista “Dirigenti in Puglia. La sua nuova propensione è nel campo delle Pari Opportunità. ha anche iniziato un’attività di tutoraggio, mentore e couching per neo imprenditrici e dirigenti donne, caratterizzando anche la rivista che cura nella valorizzazione del lavoro di vertice al femminile nella diversità di genere e creando una vera rete di donne impegnate.

Lascia un commento


− 8 = zero