A Capodanno qualcuno s’è sentito librare in tersi cieli

0

E va bene, definirlo apollineo non è originale. Semmai, tautologico. Ma abbiamo alternative? Roberto Bolle è una metempsicosi artistica, la materializzazione dei sogni di Winckelmann. Non la Grecia, ma un’idea di essa. Una bellezza pensata che taluni scambiano per freddezza.

di Daniela Tuscano

Ma Roberto vive, sublimando le passioni. Chi l’ha visto all’opera, anzi all’impresa, ne percepisce la fisicità possente e travagliata. C’è sofferenza dietro il genio, l‘impossibilità di sentirsi normale, la severa armonia. Bolle quando tocca, quando bacia, è un fremito mediterraneo. Sa gestirsi, adesso che ha raggiunto – di slancio – il termine della carriera. Vuol essere popolare senza scadere nel pop. Immancabilmente ecumenico, ineccepibile nelle evoluzioni. Cosicché gli si possono perdonare i peccati. Eventuali, nascosti, occulti.
È una gloria italiana, Roberto. Lo è realmente, nato gigante in una provincia nebbiosa, agra e senza fantasia. Niente bassifondi, nessuna tinta forte, solo sbiadite risaie. Però bastava lui. Gli è rimasta, di quei luoghi, una concretezza padana, una generosità vera.
Sa, o vuol essere, cameratesco. L’opportunità a un talento addolorato come Ahmad Joudeh la dà. E sarebbe davvero bello che un musulmano siro-palestinese ne raccogliesse l’eredità. Per ora basta quell’abbraccio, mitologico e umano. Una sfida di corpi all’intolleranza delle ideologie.
Con Ahmad non ha bisogno di esibire nudità, è già intimo. Con Paulina, partner storica, propone l’origine della coppia umana, e il corpo ci vuole, supplisce a un coinvolgimento altrimenti troppo cerebrale. E la pioggia sottolinea la tempesta perfetta, le conferisce un respiro canoviano.
È anche televisione, certo. Quella che vorremmo. Giustamente – e modernamente – didascalica. Furba, talora, il giusto. Un eccitante per la curiosità. La sera di Capodanno qualcuno s’è sentito librare in tersi cieli. Cosa desiderare di più?

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


9 − sette =