CRONACHE DI UN’ESTATE DA RECORD

0

L’estate 2017 è stata piuttosto meno usual delle solite. Molti record registrati, in molti sostengono  più che altro negativi.

 

TRA SERIO E FACETO

Settembre, le scuole iniziano domani al nord e comunque questa settimana in tutta Italia. Isole comprese. La quasi totalità è rientrata alla base, vacanze, lunghe o brevi che siano state, stop. Finite.
Ti ritrovi sul pianerottolo e va da sé, ti raccontano come è andata, dove e come, e tu racconti altrettanto, as usual.
Ma l’estate 2017 è stata piuttosto meno usual delle solite. Molti record registrati, in molti sostengono “ più che altro negativi” ( e ti pareva! ).

Record n.1 il caldo. Estate torrida iniziata con almeno un mese d’anticipo, durata imperterrita con sole a palla e temperature tra i 35 e 40 ed oltre gradi per molte settimane.

Record n. 2 definizioni meteo di fenomeni climatici, effettivamente molto più estremi dell’usual. Piogge forti ora sono bombe d’acqua. Venti con forti raffiche sono trombe d’aria. Cavalloni marini di un tempo sono onde anomale e tsunami. I buoni, antichi, rumorosi ed elettrici temporali si trasformano, ed è anche vero, in tempeste di fulmini, saette, vento-acqua a secchiate-grandine come limoni e cicloni da allerta arancio – rosso.

Record n.3, come sopra in versione opposta: il fuoco. Ettari ed ettari di boschi e tipica vegetazione mediterranea hanno subito incendi, più dolosi e sfuggiti -in caso- di mano che altro, ma senza dati alla mano parrebbe averne sentito parlare ancor più del solito.

Record n.4, quantità di turisti in Italia. Chi è stato al mare, a quanto ho potuto constatare, dice di non aver mai visto “ un casino simile”. Le testimonianze mi arrivano da chi è stato, indifferentemente, al nord o al centro o al sud e isole, da un lato o dall’altro dei nostri bei mari.
Da giugno a fine agosto la situazione ascella-to-ascella era praticamente garantita in ogni lido attrezzato e spiaggia libera di umano accesso. Sul lago di Garda, il più simile al mare, era lo stesso. I dati ufficiali dicono + 25%, in confidenza albergatori e ristoratori confessano, ad es. in Salento, un boom da + 50% ( e l’altro 25% ovviamente è .. abbronzantissimo, anzi, nero) .
Ovviamente i più si sono detti “ mai più vacanze al mare in Italia nel periodo clou dell’estate! “. Già .. ma poi a tutti resta la domanda che impegnerà le meningi per tutto l’inverno e primavera prossimi : ma allora, dove?

Eh, perché non si può scordare il prossimo record!
Record 5, le mete “ sicure” vacanze in agosto sono sempre di meno!
Mar Rosso, Tunisia con Djerba inclusa, Marocco, Turchia e simili sono ragionevolmente Out ormai da qualche anno. Peggio per loro, vadano alla Mecca che noi non siamo Maometto e non ci teniamo neppure ad esserlo.
Il Caribe, che di solito fino a ferragosto mettevi tranquillamente tra i papabili da sogno, il solo problema magari era il $ forte ma adesso sembra tornato abbordabile, ce l’ha distrutto per tre quarti e raso al suolo quel zin zin di mega uragano mai visto prima ( il clima non cambia, secondo il genio USA n.1) dal nome che per tradizione a noi suona dolce. Irma. Non la douce, questa è la strunz.
Chi è stato in montagna, direte voi, ha fatto una grande estate. A me però hanno raccontato altro.
Record n.6, smottamenti-frane-vento-acqua-gelo ed escursione termica da oltre 20/25 gradi in un giorno! Fin dai primi d’agosto! Non so se hanno esagerato, ma le immagini ed i commenti che postavano in tempo reale sui social apparivano molto veritiere.

Quindi … il mondo dei vacanzieri è avvertito: agosto daikin mio conto su di te che ti conosco ( e mi posso fidare)!

Dal prossimo anno c’è da scommetterci, sempre più persone adotteranno lo stile carpe diem e mordi e fuggi last minute da marzo in poi. Alla fine ci volle un anno record per convincere la maggioranza degli italici a “spezzare” il periodo di ferie.

Ma per molti italici il problema non si pone, ho sentito con le mie orecchie i primi giorni di settimana scorsa “ dica, dica Signù. No, è che stammo ammare, sì stammo in servizio. Ammare, sì, tanto col telefono si lavora pure e se ci sta un problema se risolve. Rapido. Sì, gli operai in questo periodo una mezza giornatina.. no il venerdì no, da martedì..”.
Record n.7, quattro mesi estivi di fila “ammare”. Le ferie, probabilmente, le prenderanno a Natale.
Vero è che .. sanno vivere. Buon rientro, a tutti.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Rossana Rossi

Una creativa a tutto campo, con solido background professionale in area marketing e comunicazione, brand & image building. Dal 1985 si occupa di marketing e comunicazione integrata Media -PR -Ufficio Stampa, dirigendo e coordinando al contempo, in qualità di Direttore Operativo, anche i reparti creativi e produzione in Agenzia. Gestisce e pianifica personalmente le iniziative delle aziende clienti dei settori arredamento, moda, food&beverage e cosmesi, dalla piccola-media impresa al grande gruppo multinazionale. Nel 2005 inizia la sua attività in proprio con una formula singolare, scegliendo di lavorare come una “house agency” per poche selezionate aziende e solo a progetti che ritiene professionalmente condivisibili. Nel 2009 le viene affidato l’incarico di un progetto integrale di creazione e lancio di un nuovo brand di accessori e complementi d’arredo. Da allora affianca alla propria usuale attività il ruolo di consulente Marketing & Creative Director.Nel 2013, per puro divertissement, idea e sviluppa , in collaborazione col designer Giampietro Tonetti , il progetto ITWEET – The Expressive Design.

Lascia un commento


5 + = nove