Una vacanza fuori del comune – Basilicata

0

 

Vacanze a  Matera ed altro – una realtà che supera le aspettative.

Voglia di mare e di cultura, di relax e di divertimento, di  empatia e di gusti veri e  buoni. Così è partita la mia vacanza 2017. Direzione Matera che già conoscevo ma volevo rivedere prima che entrasse nell’occhio delle telecamere di tutto il mondo per essere capitale della cultura. Eh sì perché non esiste solo Matera ma anche tutto il territorio prospiciente  alla parte dell’antica  Magna Grecia e della quale sono rimaste molte vestigia tra Basilicata, Calabria e Puglia.

Tuttavia della Basilicata o Lucania stessa  si parla poco e questo mi aveva attratto maggiormente.
Trovata l‘abitazione all’ultimo momento in una regione al confine tra Basilicata e Puglia, Ginosa, mi sono presentata alla tenuta Montedoro con la  curiosità di chi non sa cosa l’aspetta Ed ho scoperto di essere alloggiata all’interno di  un’ azienda agricola di tradizioni centenarie. Alberi da frutto, ulivi, palme e molto altro.

Donata da Maria Isabella di Borbone, Regina delle Due Sicilie, agli antenati degli attuali proprietari, la casa padronale ha mantenuto intatta nel tempo l’ originale struttura e la magica atmosfera del tempo passato; immersa in un rigoglioso giardino mediterraneo al centro del quale si trova una deliziosa piscina riservata agli ospiti, la casa è circondata da antiche mura che garantiscono agli ospiti una privacy totale.

tenuta-montedorotenuta montedorotenuta montedoroTenuta-montedoro1montedoro20170810_18292120170809_143505 tenuta montedoro

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In questa oasi sono stati ricavati due appartamenti, ”le casette” che in realtà  non erano altro che piccole abitazioni che venivano usate dai lavoranti  delle piantagioni di tabacco,  ristrutturate per gli ospiti ed arredate con gusto con mobili d’epoca,

La destinazione d’uso dell’azienda è un po’ cambiata, a quella  agricola si è affiancata quella ricettiva, ma il risultato è eccellente e ne riparleremo dopo.

Il mio viaggio quindi è cominciato con la presa di conoscenza di questo di questa tenuta che ci ha meravigliato sorpreso e compiaciuto.  E’ proprio da qui parte  la nostra storia vacanze in Basilicata.

Ginosa dove si trova la tenuta Montedoro è a pochi chilometri dal mare Ionio con i suoi caldi lidi e la sua bianca spiaggia dorata.

Abbiamo ( io e la mi ”combriccola” di marito e amici) scelto di esplorare  la riserva naturale di Metaponto un’area naturale protetta della regione Basilicata istituita nel 1972. Occupa una superficie di 240 ha di litorale nella provincia di Matera, nella zona di Metaponto.

Metaponto_1metaponto3

 

 

È un sito archeologico oltre che un luogo di importanza naturalistica. ”Si estende lungo la costa Jonica, tra le foci dei fiumi Bradano e Basento. ”Venne istituita Riserva Statale in considerazione dell’esemplare risultato ottenuto come rimboschimento di una difficile zona litoranea, della funzione di protezione dai venti salsi, assolta nei confronti delle colture agrarie retrostanti e per la peculiare caratteristica di presentare, in prossimità delle foci dei due fiumi suddetti due “Zone Umide”, habitat e rifugio ideale per l’avifauna stanziale e migratoria (quest’ultimo, rilevante aspetto, ne ha determinato l’inclusione tra le aree SIC e ZPS della Rete Natura 2000, in Basilicata). Il soprassuolo presente nella Riserva Forestale è prevalentemente di origine artificiale, derivato da rimboschimenti iniziati nel 1934 dal Consorzio di Bonifica e proseguiti dal Corpo forestale dello Stato fino al 1954. Il substrato geologico è costituito prevalentemente da dune costiere dell’Olocene e spiagge attuali. I suoli che ne derivano, essendo breve il periodo trascorso dalla loro bonifica (effettuata negli anni ’30), sono estremamente poveri. Il tasso di salinità è elevato, soprattutto nelle zone prossime al mare. ” (fonte Wikipedia).

L’area protetta si trova vicino alla il Parco Archelogico di Metaponto (frazione di Bernalda) e comprende una zona costiera bonificata dove è presente un bosco artificiale con  specie indigene mediterranee. Negli stagni dietro le dune sono presenti specie tipiche, come la cannuccia marina e il giunco. Di particolare rilievo naturalistico è  la presenza della rara tartaruga Caretta caretta, che depone le uova vicina spiaggia a fine primavera-inizio estate.

 

IMG_20170814_172904_626Anche i lidi, se si ha la pazienza di guidare per una strada sterrata, sono veramente belli. Io ho apprezzato quello subito a rifosso della riserva, Dompablo, dove si arriva in pochi metri al mare. Bel lido, musica bassa e buona cucina..(oltre alla focaccia). Il Mare basso e pulito, trasparente…,buono per chi ama camminare in mare oltre nuotare.IMG_20170814_172818_936

continua

 

 

 

 

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Redattrice ed esperta di marketing e PR; proprietaria di www.dols.net di cui è direttore editoriale e general manger nonché di questo nuovo dols.it. Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


7 − = cinque