Independent woman: la app che ti protegge

0

Promette di seguirti giorno e notte per farti sentire al sicuro, ovunque tu sia. Non è un gentiluomo pronto a proteggerti, ma una donna. Meglio ancora, una Independent Woman, che veglierà su di te, per attivarsi se avrai bisogno di lei e, all’occorrenza, difenderti. Un esempio top di solidarietà femminile? No, una app!

Una app italiana per Android, Ios e Web promette di fare, per la proprietaria dello smartphone su cui è installata, quello che non riuscirebbe neppure al miglior partner: seguirla e proteggerla in ogni momento e in ogni luogo e, in caso di necessità, intervenire prontamente, chiamando intanto i soccorsi. Fantascienza? No, realtà: per giunta abbordabile (la app è gratuita per 365 giorni dalla registrazione, trascorsi i quali costa solo 1€ all’anno) e molto ‘smart’, come i device su cui può essere installata.

App Independent WomanProgettata dalla web agency Siti srl, Independent Woman è la soluzione ideale per le donne che non vogliono rinunciare a viaggiare da sole e a uscire senza un partner la sera, o che per necessità devono frequentare luoghi poco sicuri. Una volta installatala nello smartphone, e ottenuto l’accesso alla propria area riservata registrandosi con Facebook, Mail or Google+, si potranno impostare alcuni numeri telefonici di contatto in caso di emergenza, un indirizzo e-mail che verrà usato in maniera automatica e i recapiti (3 nell’app gratuita, 10 nella versione a pagamento), dove si vorrà essere ‘seguite’. E poi, per sentirsi al sicuro, basterà lanciare il software.

Sì, perché Independent Woman è in grado di monitorare le donne sole (e, perché no, anche anziani, adolescenti e bambini) non appena la si attiva – se ci si dimentica di farlo, niente paura! Il programma comprende anche un’apposita funzione di notifica – e di intervenire, con i suoi mezzi elettronici, quando ritiene che la persona sia in pericolo. Ad esempio in caso di aggressioni da parte di estranei, di stalking o in episodi di violenza domestica (questo è il motivo per cui i suoi creatori sconsigliano, tra i numeri di emergenza, di inserire quello del partner!).

App Independent WomanIndependent Woman funziona in due modalità. Basandosi sul presupposto, evidenziato da rilevazioni statistiche, che in molti casi, per allontanare un aggressore, basta uno squillo di cellulare al momento giusto, gli sviluppatori hanno implementato nel software la modalità Seguimi (Follow me), che rileva continuamente con il GPS la posizione dell’utente ed effettua una finta chiamata telefonica, a intervalli stabiliti tra i 5 minuti e l’ora, dal proprio contatto. Se non si risponde, l’app si attiva per fronteggiare il pericolo: invia sms e e-mail ai nominativi di riferimento, con le istruzioni per localizzare la persona in difficoltà, e inizia una registrazione audio e video a schermo oscurato, per raccogliere informazioni e prove di quanto sta accadendo. Entra dunque in modalità Emergenza (Immediate danger), la stessa con cui si può lanciare subito un SOS ai contatti predefiniti, registrando nel contempo in maniera nascosta – a schermo oscurato – un video.

Independent Woman, che si rivolge a un’utenza internazionale (il sito web di Independent Woman è tradotto in 9 lingue e l’interfaccia per smartphone, oltre che in Italiano, è in Inglese, Francese, Tedesco, Portoghese, Spagnolo, Cinese mandarino e Hindi: nelle lingue, cioè, più parlate al mondo), si scarica gratuitamente da Google Play e da App Store. Per le informazioni sono disponibili un video su YouTube, una pagina Facebook e un indirizzo e-mail di assistenza: ticket@independent-woman.com.

CONDIVIDI

Profilo Autore

Chiara Santoianni

Chiara Santoianni, scrittrice, giornalista, counselor e docente, pubblica dal 1984 e ha collaborato a numerosi quotidiani e periodici italiani. È autrice del saggio Popular music e comunicazioni di massa (ESI, 1993), del manuale Sicurezza informatica a 360° (Edizioni Master, 2003), del libro per ragazzi Preso nella Rete (Sesat Edizioni, 2012). Ha scritto inoltre il romanzo umoristico Il lavoro più (in)adatto a una donna (Cento Autori, 2011) e i romanzi di chick lit Il diario di Lara (ARPANet, 2009), Provaci ancora, Lara! (ARPANet, 2012) − vincitori delle edizioni 2008 e 2012 del concorso ChickCult −, Cocktail di cuori e Missione a Manhattan (Cento Autori, 2015 e 2016). È autrice e curatrice della raccolta di racconti di chick lit Volevo fare la casalinga (e invece sono una donna in carriera) (Albus 2012) e, dal 2015, della collana di Cento Autori "A cuor leggero". Inoltre, è autrice delle guide turistiche Enogastronomia, Turismo Balneare, Turismo Giovanile, Turismo Enogastronomico (Electa Napoli, 2004-2006); co-autrice delle guide di viaggio Pacific Coast (Edimar, 1999) e Napoli. Costa e isole (De Agostini, 2002). Suoi racconti sono contenuti nei volumi collettivi Lavoro in corso (Albus Edizioni, 2008), Timing semiserio per un matrimonio quasi perfetto (ARPANet, 2011), Non proprio così (Giulio Perrone, 2011), ManifestAmi (2013). Ha scritto per anni la rubrica Numerando per la rivista d’informatica “Internet Magazine”. Ha inoltre ideato e realizzato il sito web Chiara’s Angels − finalista al Premio DonnaèWeb e all’Italian eContent Award 2006 − e il blog di recensioni librarie Spazio Autrici. La sua passione, oltre alla scrittura, è la tecnologia in tutte le sue forme.

Lascia un commento


7 − due =