Una stanza (in mare) tutta per me

0

Tutte le volte che, correndo su uno dei treni della mia vita, vedo questa palafitta marina, mi viene in mente il diritto a un po’ di pace, negato alle donne. Lo sbilanciamento dei carichi del lavoro di cura, l’esser costrette a fare in qualunque campo “di più e meglio” di tutti, la generosità insita nell’animo e nel corpo delle donne, spesso impedisce loro di godere di attimi di pace. In quegli attimi, Virginia Woolf scriveva: io semplicemente, sogno un mondo dove alle donne non venga tolto più nulla.

Luisa Rizzitelli da Sirolo (Marche)

CONDIVIDI

Profilo Autore

Dols

Dols è sempre stato uno spazio per dialogare tra donne, ultimamente anche tra uomini e donne. Infatti da qualche anno alla voce delle collaboratrici si è unita anche quella degli omologhi maschi e ciò è servito e non rinchiudere le nostre conoscenze in un recinto chiuso. Quindi sotto la voce dols (la redazione di dols) troverete anche la mano e la voce degli uomini che collaborando con noi ci aiuterà a non essere autoreferenziali e ad aprire la nostra conoscenza di un mondo che è sempre più www, cioè women wide windows. I nomi delle collaboratrici e collaboratori non facenti parte della redazione sono evidenziati a fianco del titolo dell’articolo, così come il nome di colei e colui che ci ha inviato la segnalazione. La Redazione

Lascia un commento


− quattro = 2