La mia vita come un romanzo XXXV

0

di Caterina Della Torre

precedente    leggi dal’inizio

Arrivati davanti a Carlotta e allo sconosciuto che si era palesato, Giuseppe e Cinzia, i suoi amici del cuore che l’avevano portata in vacanza, dimenticandosi che lei era un’invalida, le si accostarono con fare protettivo:
‘’Tutto bene ?’’
‘’Sì, Fausto se ne stava andando’’.
‘’Certo, ci siamo conosciuti poco fa e l’ho invitata alla festa che si tiene al mio albergo, ma lei esitava prendendo tempo ’’.
Cinzia che aveva capito il problema cercò di sviare il discorso : ‘’Stasera abbiamo deciso di andare al ristorante ed abbiamo già prenotato’’
Fausto non mollò  ’’Potete venire dopo’’.

Carlotta stufa di queste false verità. Decise di tagliare la testa al toro:
”Giuseppe per favore mi passi la stampella e mi aiuti ad alzarmi?”
L’amico fu preso in contropiede, ma si girò ed andò a prenderla, come richiesto, ed aiutò Carlotta a drizzarsi in piedi, cosa non facile, ma possibile. Poi le chiese: ”Vuoi fare un bagno?’’
Carlotta si sfilò dalla testa  la leggera maglietta di cotone che le copriva le spalle dal sole e impugnò la stampella con la destra.

Fausto per nulla sorpreso chiese : ‘’Posso aiutarti? Anche io faccio volentieri un tuffo in mare.’’
E così dicendo aveva preso il braccio sinistro della ragazza e l’aveva trascinata in acqua.
Carlotta si sentiva scoperta, ma tirò un sospiro di sollievo perché ora non avrebbe più avuto necessità di fingere. Il suo amor proprio doleva un po’, ma così era davvero meglio. Non era come le altre bellezze atletiche che giravano per la lunga spiaggia, ma che fare? Non aveva chiesto lei di ammalarsi e le cose che per cui poteva optare erano starsene seduta in un centro di cura oppure adattarsi alla situazione da ‘’diversamente abile’’ . Solo che le non capiva dove stava il diverso in lei.

Mentre la trasportava in acqua Fausto le disse: ’’Credevi che non avessi visto la stampella vicino all’ombrellone?’’
L’aveva vista, le raccontò ed era rimasto affascinato dal suo volto. Si domandava perché tanta inclemenza in un corpo così giovane e bello. Ma poi era passato a pensare ad altro ed aveva voluto conoscerla davvero. Per ciò l’aveva invitata, perché voleva  che si scoprisse. Non perché l’invito fosse falso, ma perché qualcosa doveva accadere per sbloccare l’impasse.

Una volta in mare Carlotta si immerse fino alla cintola e poi giù sott’acqua  godendo  del  turbinio fresco delle onde che giocavano con le sue gambe. Le sembrava di essere leggera e che camminare non fosse più così faticoso.

continua

CONDIVIDI

Profilo Autore

Caterina Della Torre

Redattrice ed esperta di marketing e PR; proprietaria di www.dols.net di cui è direttore editoriale e general manger nonché di questo nuovo dols.it. Nata a Bari nel 1958, sposata con una una figlia. Linguista, laureata in russo e inglese, passata al marketing ed alla comunicazione. Dopo cinque anni in Armando Testa, dove seguiva i mercati dell’Est Europa per il new business e dopo una breve esperienza in un network interazionale di pubblicità, ha iniziato a lavorare su Internet. Dopo una breve conoscenza di Webgrrls Italy, passa nel 1998 a progettare con tre socie il sito delle donne on line, dedicato a quello che le donne volevano incontrare su Internet e non trovavano ancora. L’esperienza di dol’s le ha permesso di coniugare la sua esperienza di marketing, comunicazione ed anche l’aspetto linguistico (conosce l’inglese, il russo, il tedesco, il francese, lo spagnolo e altre lingue minori :) ). Specializzata in pubbliche relazioni e marketing della comunicazione, si occupa di lavoro (con uno sguardo all’imprenditoria e al diritto del lavoro), solidarietà, formazione (è stata docente di webmarketing per IFOA, Galdus e Talete). Organizzatrice di eventi indirizzati ad un pubblico femminile, da più di 10 anni si occupa di pari opportunità. Redattrice e content manager per dol’s, ha scritto molti degli articoli pubblicati su www.dols.it.

Lascia un commento


8 − cinque =